PATENTE B


intropatenteB


Se devi conseguire la Patente B sei nel posto giusto! Nelle nostre autoscuole troverai istruttori preparati e lezioni interattive, per farti raggiungere al meglio le abilità alla guida. Troverai un Metodo d’insegnamento rivoluzionario, che ti farà apprendere in modo graduale e progressivo.
 

Per conseguire la Patente B dovrai aver compiuto 18 anni, frequentare lezioni e corsi di guida e completare la prova teorica e quella pratica. Una volta superata la prova teorica, nella nostra autoscuola riceverai il Foglio Rosa che ha validità sei mesi e consente le esercitazioni su strada.
 

Con la Patente B potrai condurre:

  • gli autoveicoli di massa complessiva non oltre le 3,5 tonnellate e con un numero di posti a sedere non superiore ad 8, conducente escluso. Potrai quindi guidare autocarri, autocaravan (camper), purché non eccedano la massa sopra indicata. Con la Patente B potrai condurre uno dei suddetti veicoli anche se trainano un rimorchio leggero (fino a 750 kg)
  • gli autoveicoli di cui sopra (max 9 posti e 3,5 t) che trainano un rimorchio di massa superiore a 750 kg purché la somma delle masse massime autorizzate del complesso di veicoli (motrice + rimorchio) non sia superiore a 4250 kg. Ma attenzione, se la massa del suddetto complesso di veicoli è superiore a 3500 kg, per essere abilitato a guidarlo devi prima superare uno specifico esame di guida e sulla patente sarà riportato il codice 96 (codice armonizzato UE)
  • le macchine agricole, comprese quelle eccezionali
  • le macchine operatrici purché non eccezionali
  • tricicli di potenza non superiore a 15 kW e quadricicli

 

Con la Patente B potrai anche condurre, ma solo in Italia:

  • motocicli fino a 125 cm3, con un massimo di 11 kW di potenza e con un rapporto potenza/peso non superiore a 0,1 kW/kg 
  • tricicli di potenza superiore a 15 kW ma solo se hai almeno 21 anni

 

Con la patente B puoi inoltre guidare i veicoli conducibili con le patenti B1 (quadricicli a motore) e AM (ciclomotori a 2 o 3 ruote e quadricicli leggeri, le cosiddette “macchinine”).