Revisione Patente

Da chi è disposta la revisione della patente

La revisione della patente di guida è un provvedimento disposto dagli uffici competenti del Dipartimento dei Trasposti Terrestri quando sorge il dubbio sulla persistenza dei requisiti fisici e psichici prescritti, dell’idoneità tecnica del titolare della patente o quando i punti sulla patente sono azzerati.
Nel primo caso è prevista una visita medica presso la commissione medica locale, mentre per gli altri due viene disposto un nuovo esame pratico.

In cosa consiste la revisione della patente di guida

L’automobilista è obbligato a verificare l’idoneità alla guida o i requisiti fisici e psichici. L'esito della visita medica e dell'esame di guida viene comunicato agli uffici di riferimento per gli eventuali provvedimenti di sospensione o revoca della patente.

Casi comuni in cui è obbligatorio disporre la revisione

La revisione è disposta:

  • Quando il conducente commette tre violazioni stradali da 5 punti nell’arco dello stesso anno;
  • Quando il conducente è coinvolto in un incidente stradale determinando lesioni gravi a persone;
  • Quando il conducente minore di 18 anni sia l’autore di una violazione del codice da cui consegue una sanzione con sospensione della patente di guida;
  • Quando il conducente guida in stato di ebrezza o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti;
  • Quando il minorenne commette infrazioni che comportano la sospensione della patente;
  • Nel caso di coma di durata superiore alle 48 ore;
  • A seguito di perdita completa dei punti sulla patente
  • A seguito di incidente che ha provocato lesioni gravi a persone.

I documenti previsti per l’esame di revisione

Per effettuare la revisione della patente bisogna presentare agli uffici della Motorizzazione la seguente documentazione:

  • Richiesta sull’apposito modulo TT 746
  • Attestazione di avvenuto pagamento dei versamenti
  • Provvedimento di revisione in originale
  • Certificato medico rilasciato dall’Autorità sanitaria come prescritto sul provvedimento di revisione (se imposto)
  • La patente in corso di validità
  • Provvedimento di sospensione (se previsto)

Tempistiche e modalità

Chi ha ricevuto il provvedimento di revisione della patente, ha tempo 30 giorni per presentare istanza per l'esame e se non la presenta, scatta la sospensione della patente. L’istanza ha validità 1 anno e consente di sostenere gli esami una sola volta.
L’esame si svolgerà attraverso schede quiz informatizzate. Al termine dell’esame di teoria è necessario superare anche la prova pratica.
Se la patente è stata sospesa, l’esame di guida si svolgerà solo dopo il periodo di sospensione. La sospensione della patente di guida è la privazione temporanea della sua validità e viene disposta a chi non si sottopone agli accertamenti di revisione nei termini prescritti. Chiunque circoli durante il periodo di sospensione della patente è soggetto a sanzioni amministrative.
La patente di guida verrà riconsegnata all’automobilista dopo aver superato con esito positivo gli esami di revisione. In caso contrario l’ufficio della Motorizzazione provvederà alla revoca del documento.

La revoca della patente

La revoca è il ritiro definitivo della patente. L’atto di revoca avviene da parte degli uffici competenti del DTT nei casi in cui il titolare sottoposto a revisione non risulta idoneo e non presenta più, in modo permanente, i requisiti psicofisici richiesti dalla legge.

Vuoi saperne di più?
Contattaci!