Mondo patente
Il nuovo esame della patente A: cosa c’è da sapere?
18/10/2018

Hai deciso finalmente di realizzare il tuo sogno e comprare la moto che desideri da tempo o non ne puoi più del traffico vuoi passare allo scooter?

Saprai sicuramente che per farlo devi conseguire una patente di categoria A (A1, A2 o A, a seconda della cilindrata che vuoi guidare e della tua età). Quello che forse non sai è che l’esame pratico ha appena subito delle modifiche. Infatti con il Decreto MIT del 26 Settembre 2018 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 12 Ottobre) viene recepita nel nostro Paese la nuova Direttiva Europea in materia.

Vediamo cosa cambia.

Il nuovo esame è composto da due prove pratiche, una a bassa ed una ad alta velocità. Infatti la nuova normativa prevede una velocità minima di 50 km/h (in precedenza era di 30km/h e un limite temporale per il completamento del circuito, così da valutare l’abilità del candidato nel gestire il mezzo nelle due diverse situazioni.

Sarà necessario, per garantire l’incolumità, indossare le seguenti protezioni:

  • casco integrale;
  • guanti;
  • giacca con protezione dei gomiti e delle spalle;
  • scarpe chiuse;
  • pantaloni lunghi e protezioni delle ginocchia;
  • paraschiena.

 

1- Prove di equilibrio a velocità ridotta e passaggio in corridoio stretto

Il candidato deve dimostrare di essere in grado di affrontare uno slalom a velocità e poi il passaggio in corridoio stretto.

Dovrà scartare il primo cono sulla destra e a seguire gli altri, al termine dello slalom dovrà, sempre a velocità ridotta, seguire la traiettoria più regolare possibile intorno al cono centrale e, quindi, immettersi nel corridoio stretto.

Questi sono gli errori che possono determinare la bocciatura:

  1. toccare uno o più coni
  2. saltare un cono durante lo slalom o uscire dal percorso
  3. mettere un piede a terra
  4. coordinare in modo irregolare la guida, dimostrando scarsa abilità
  5. impiegare un tempo inferiore a 15 secondi per completare il percorso

 

11

immagine tratta dalla Gazzetta Ufficiale 

 

2- Prova di equilibrio, superamento ostacolo e frenata

In questo caso il candidato è tenuto a effettuare lo slalom lasciando indifferentemente a dx o sx il primo cono. Al temine è previsto il passaggio tra 3 coni al centro della pista, per poi percorrere il corridoio stretto passando all’interno dei coni posti alla distanza, l’uno dall’altro, di 1 metro e, infine, arrestare il veicolo in modo che la ruota anteriore superi il primo allineamento, ma non quello successivo. 

Anche in questo caso il Decreto specifica le irregolarità che possono costare caro:

  1.  toccare uno o più coni
  2.  saltare un cono durante lo slalom o uscire dal percorso
  3.  mettere un piede a terra
  4.  coordinare in modo irregolare la guida, dimostrando scarsa abilità
  5.  arrestare il motociclo con la ruota anteriore che non ha superato il primo allineamento o che ha superato il secondo allineamento
  6.  impiegare un tempo superiore a 25 secondi per completare il percorso.

 

22

immagine tratta dalla Gazzetta Ufficiale